Posts Tagged ‘Svipdag transformed’

Questi politici, tornati vergini, ci mettono in guarda dall’Antipolitica: è da loro che dovrebbero mettere in guardia il popolo italiano!

6 maggio 2012

Svipdag transformed – John Bauer

È iniziata la crociata contro l’antipolitica! Una multicolore passerella di politici, cardinali, industriali, imprenditori, giornalisti, opinionisti, economisti, banchieri, enologi, procacciatori d’affari, responsabili, show-girl, ragazze coccodè, veline, nani, ballerine, scrocconi, presenzialisti e buttafuori non la finisce più di metterci in guardia dall’antipolitica, dal qualunquismo strisciante, dal bieco populismo, dai ciarlatani di piazza, dai comici d’avanspettacoli, dagli improvvisati capipopolo e da moralisti da strapazzo. L’Antipolitica è temuta più della crisi, più di un disastro nucleare, più della terza guerra mondiale, più della peste bubbonica. Questi paladini della Politica con la P maiuscola si scoprono tutto a un tratto a perorare i principi della Costituzione, dell’etica politica, del bene comune. Sono gli stessi signori che fino all’arrivo di Monti ne han fatte di tutti i colori, hanno costruito la loro fortuna sul dualismo filosofico escort o mignotta, supportati da pareri di illustri pensatori e di moralizzatori “con la tovaglia sulle mani e le mani sui coglioni” (De Andrè), pronti a sfidarsi all’ultimo lifting, all’ultima battuta sulle tette di turno, sulle natiche pubbliche, sulle partecipazioni di uomini di stato a orgettine e sul prezzo delle prestazioni: “E’ mai possibile o porco di un cane / che le avventure in codesto reame / debban risolversi tutte con grandi puttane, // anche sul prezzo c’è poi da ridire / ben mi ricordo che pria di partire / v’eran tariffe inferiori alle tremila lire” (De André). (more…)

Annunci