Archive for the ‘Società’ Category

Lavoro addio!

31 dicembre 2016

agricolture-robot3

La crisi economica planetaria, di cui ancora portiamo addosso ferite sanguinanti, ha avuto come principale conseguenza una diffusa deindustrializzazione in molti paesi del cosiddetto “Occidente” (occidente=occasus “declino, rovina” per dirla con Nietzsche) e a seguire una disoccupazione di massa, un deprezzamento del lavoro e, ça va sans dire, una perdita irreparabile dei diritti dei lavoratori. Che le politiche messe in atto in Europa e nel resto dell’Occidente (rigore contabile, tagli allo stato sociale, ultraliberalizzazione e interventi statali per tamponare le falle di un capitalismo rapace quanto privo di prospettive) siano state inefficaci è sotto gli occhi di tutti. Abbiamo paesi – vedasi la Grecia, ma anche l’Italia sembra avviata nella stessa direzione – ridotti a vuoti simulacri, svuotati di speranza e immiseriti, in balìa di classi dirigenti corrotte e prive di scrupoli, completamente avulse dalla realtà effettuale; paesi che hanno come sola prospettiva – fermo restando il quadro politico internazionale – il sopravvivere all’istante. (more…)

La faccia triste dell’America

11 novembre 2016
fotografia-concettuale-dolore-alienazione-solitudine-misha-gordin-6

Foto di Misha Gordin

In questi due giorni, dopo le elezioni presidenziali vinte da Donald John Trump, mi è capitato di leggere cose al limite del surreale. Qualcuno ha anche tirato in ballo il sistema elettorale americano, giudicandolo inadeguato in quanto il vincitore, in termini di voti, avrebbe raccolto più consensi della sconfitta, non tenendo minimamente conto della natura federalista degli Usa, né tantomeno della singolarità della vita democratica statunitense. Il sistema elettorale americano ha sempre puntato a creare un equilibrio tra i vari stati della federazione e questo equilibrio ormai regge da svariati decenni e nessuno si è mai sognato, magari per interesse di partito, di introdurre riforme orripilanti come i nostrani porcellum o italicum. Regole certe e condivise hanno permesso agli Usa una stabilità ben più che consolidata. Inoltre il sistema americano ha dei contrappesi (funzionanti) al potere del Presidente. Capisco che la smania delle riforme costituzionali abbia contagiato tutti nella nostra penisola, ma consigliare agli Usa come debbano esercitare il diritto di voto mi sembra una paradossale idiozia. Noi, paese in cui la democrazia non ha mai abbarbicato, dovremmo indicare agli Stati Uniti come dovrebbero fare? Ma chi afferma questo ha idea di come funzionano il porcellum e l’italicum?bangladesh-10-02-09-megacities8_2964458_708347
Si afferma inoltre che avendo votato solo il 55,6% degli americani in realtà Trump avrebbe ottenuto solo il voto di poco più di un quarto dell’elettorato. Ma anche per Obama, al secondo mandato, la percentuale dei votanti fu pressappoco simile, come per tanti altri presidenti.

(more…)

Questa nostra epoca

31 agosto 2016

conformismo

Questa nostra epoca esalta la bellezza delle città, delle donne, degli uomini…
eppure siamo circondati dalla bruttezza
Questa nostra epoca esalta il cibo, la cucina, l’arte culinaria…
eppure non si è mai mangiato male come ora
Questa nostra epoca esalta l’originalità, l’individualismo…
eppure in giro si vedono persone in fotocopia, pecore belanti
Questa nostra epoca esalta l’informazione, la connessione costante…
eppure mai come in questi anni si è vista tanta ignoranza, tanta disinformazione
Questa nostra epoca esalta la ricchezza, il successo, il benessere…
eppure mai come in questi anni si è vista tanta povertà, frustrazione e degrado
Questa nostra epoca esalta l’efficienza pubblica e privata…
eppure mai come oggi abbiamo visto tanta inefficienza, tanta corruzione, tanto malaffare
e si potrebbe continuare per ore…

25 Aprile, ça va sans dire

25 aprile 2016

19440810_milano_loreto_partigiani_768x483

Il passo scurrile della soldataglia nelle nervature rintrona, nel vibrare
molesto della soglia: soldataglia allo sbando, sconfitta
da sconfitti, dispersa nella boscaglia affamata di pane
carne vino, di gambe a forza slargate, di camicie lacerate.
Resta lì – mentre il poeta a voce levata piscia ingiurie e sangue
sul cibo precotto – la carcassata membranza in languidenti lunari
crepuscolari. Ma l’artiere combatte la materia sputa
sul ferro rosso catarro e futurescenze in versi da cooperativa
di scrittura, da reading e kermesse ammansite. Ma il maglio
che schiaccia e sul maglione schizza atomi di passione…
Ma l’affetto che si libra con voce autocantante ridondante
tra scapole e mutande bagnate… Qui il vecchio con la vecchia mauser
sfidò il cerbero nerobruno scancherando Germanie kartoffen
merdaglia fascista medaglia del Carso rosariando progenie
e dal libro delle piaghe nei secoli… alluvioni paralisi torcibudelli.
È lì, il versifacitore nell’ano di luce interna espellente microclimi
di coproliti da berciare alla luna pensando al ventre infecondato
della vergine, alla suppurazione, alle ispirazioni transpirazioni
lisergiche e siderurgiche di braccia sanguinanti in fanciulla
età e puttane e zozzi vecchi per tremilalire! Mirò al fattor primo
il vecchio: mille nel sanguine vendette, strage di colpevoli,
giustiziere d’analfabeti soprusati, gambe parkinsoniane e mano
ferma sul ferro vindice. Scacciacani di ruggine senza cane
bagattella infantolina, inceppata prima del colpo e del “canchero
a te a ‘sti infami” e del mitragliante guizzo postmoderno
che in dua divise il vecchio su una siepe per educarne mille.
Smadonna misticheggiando l’aedo, urlando pace o pece
o pesce in fottudanze microforate e ingazzettate
tra quietanze e flatulenze di ricorrenze ecc. ecc.

Perché si invoca la guerra contro gli attentati di Parigi?

14 novembre 2015

Attentato

Non mi piace questa confusione, questo mescolanza di frammenti di emozioni, di pulsioni, di ideologie e sfoghi.
Parigi ha subito di notte una vera e propria azione criminale mirante a colpire gente inerme, gente che aveva l’unica colpa di trovarsi in luoghi di svago e divertimento (teatri, ristoranti, stadio, ecc.). Questo attentato va condannato senza riserve di sorta.
La Francia, come tutto l’Occidente, ha grosse responsabilità sulla destabilizzazione del mondo islamico.
La genesi dell’Isis è tutt’altro che chiara: com’è nato? Con quali armi combatte? Chi gliele fornisce? Chi lo finanzia? Quali sono i suoi obiettivi? Per chi combatte e in nome di chi? Chi ne addestra le truppe? È davvero la costituzione del califfato il suo obiettivo?
Questi terribili attentati fanno crescere un atteggiamento di diffidenza se non di forte avversità nei confronti del mondo islamico, finendo quasi per identificare milioni di islamici come potenziali terroristi. Molti gettano benzina sul fuoco alimentando una tale identificazione, cercando di far nascere (o rinascere) l’idea di un inevitabile scontro di civiltà.
Già troppi parlano di guerra. Di guerra di fatto. Eppure sappiamo bene tutti che l’unica guerra che si vince è quella che si evita. (more…)

Ma che paese è questo?

22 settembre 2015

corruzione-italia

Come può definirsi un regime in cui vengono fatte leggi per incrementare in modo spropositato il profitto degli imprenditori a scapito dei diritti basilari dei lavoratori?
Come può definirsi la società in cui conta esclusivamente il cognome che si porta, la ricchezza e il potere dei propri familiari e nulla valgono le capacità professionali e morali degli individui?
Come può definirsi un paese in cui il malaffare regna diffuso, in cui proliferano mafie e paramafie, clan e comitati di malaffare che finiscono per determinare le scelte della politica, dell’economia e della società tutta?
Come può definirsi una società che paga a peso d’oro calciatori di palle e fa vivere nell’indigenza milioni di anziani?
Come può definirsi uno stato che sacrifica la sovranità popolare per donarla a multinazionali senza scrupoli che impongono un mercato del lavoro settecentesco?
Come può definirsi uno stato in cui la corruzione è diventata comune in quasi tutti i settori pubblici e privati?
Come può definirsi un stato sociale finanziato in grandissima parte dal lavoro dipendente e di cui usufruisce soprattutto chi non contribuisce pur avendone le possibilità?
Come può definirsi un paese in cui sono gli evasori fiscali seriali a lamentarsi dei gravami del fisco?
Come può definirsi un popolo che sopporta, o peggio, supporta tutto questo?

Paghiamo noi la vostra crisi

13 gennaio 2014
Autore 	Roger Davies

Autore Roger Davies

La crisi, checché ne dicano i mezzi di distrazione di massa, non è affatto finita. Lo constatiamo quotidianamente nel parlare con amici e conoscenti, nel toccare con mano la sofferenza e la risorgente miseria di migliaia di persone. Lo sentiamo nei discorsi di chi perde il posto di lavoro, di chi chiude le aziende, di chi ormai vede la pensione come un miraggio. Gli unici che non vedono, non sentono, non ascoltano il grido di dolore di questa massa sempre più numerosa sono coloro che per dettato (in)costituzionale dovrebbero governare questo paese. Al primo segnale di un qualche miglioramento dell’economia, invero solo statistico, gioiscono con festosa irresponsabilità, fingendo di aver tenuto sotto controllo la contabilità dello Stato e di aver saputo imprimere una svolta al fenomeno recessivo e depressivo, omettendo di dire che la stabilità dei conti (ma poi di che stabilità si tratta) è stata garantita spremendo all’inverosimile i lavoratori dipendenti, i pensionati e gli imprenditori che hanno l’abitudine (non molti a dire il vero) di versare fino all’ultimo centesimo dovuto al fisco. (more…)

Buon 2014! Che non sia un 2013 bis o un 2013 più o meno elle.

31 dicembre 2013

2014

Buon 2014!
Che non sia un 2013 bis o un 2013 più o meno elle.
Che veda finalmente dissolversi
ciarlatani in politica
ladri di vite
assassini di sogni
strangolatori di progetti
pataccari seriali
spacciatori di fede
illusionisti
grassatori
seminatori di fuochi
alimentatori di fuochi
ingrassati coi fuochi
incravattati con nodi di disastri
plastificati
quaquaraquà
siliconate in forme deformi
tarli del pensiero
dissodatori di corpi
mafiosi in bella vista
mafiosi di ogni risma
collusi con le mafie
eletti dalle mafie (more…)

L’Italia è stata invasa, amen

18 dicembre 2013
Autore: A.Berger

Autore: A.Berger

Le truppe cammellate
entrarono da est
una mattina presto
prima che i ragionieri
sorbissero il caffè.

Gli Unni si accamparono
tra Napoli e Caserta
costruirono palizzate
affittarono le terre
e accesero i loro fuochi
prima del tramonto,
molto prima della notte.

Varcò le Alpi l’esercito,
con gli elefanti al seguito,
di Hannibal Lecter
prima di stanziarsi
tra il parco del Valentino
e la stazione di Porta Nuova.

I soldati pontifici
dopo qualche scaramuccia
fuori porta marciarono
diretti verso il mare
per imbarcarsi prima
che mutasse il vento.

Il generale Patton
con i suoi lanzichenecchi
dal valico svizzero
penetrò fino al Rubicone
prima di chiedere al comando
dove fosse il mondo da salvare. (more…)

Da Gramsci a Togliatti, da Berlinguer a Renzi: le magnifiche sorti e progressive!

9 dicembre 2013

Foto European University Institute

Foto European University Institute

Sembra impossibile, eppure è vero! Il partito che fu di Togliatti, di Longo e di Berlinguer è finito nelle mani di Matteo Renzi ed è avvenuto non per un colpo di mano del tosco bischero bensì a seguito di una votazione democratica che porta il nome di “primarie”. Che Matteo Renzi non abbia a che vedere con la Sinistra è cosa nota a tutti, così come è nota la sua prossimità a Davide Serra, quello che, per capirci, risponde in questo modo al giornalista de Il Fatto: “D: Bisogna togliere qualcosa alla generazione dei padri? R: Abbatti le pensioni d’oro e quelle ordinarie, rendi licenziabili tutti quelli sopra i 40 anni. Così magari i giovani avranno una possibilità: costano meno e, lavorando, un domani potrebbero avere una pensione. Il mercato del lavoro è troppo rigido. La riforma Fornero ha provato a cambiare le cose. Era fatta male, ha bloccato i vecchi dentro e le aziende non hanno assunto i giovani. In Italia si era creata la flessibilità delle partita Iva e la Fornero l’ha tolta. Stavo valutando un’azienda che ha cinque negozi: quando c’erano i picchi di domanda prendeva lavoratori stagionali. Adesso non può farlo, troppa burocrazia. La vera debolezza dell’Italia sono i burocrati: tra i primi 10 mila ne licenzierei 5 mila”; (more…)