Archive for the ‘Cronaca’ Category

F.lli d’Italia vuole un posto nella giunta… in Regiome Umbria vignetta di Ulde(rico Sbarra)

26 novembre 2021

È davvero difficile tenersi lontani dal potere, “un’assenza che pesa” e “divenuta del tutto insostenibile”

L’Umbria riparte – vignetta di Ulde(rico Sbarra)

5 novembre 2021

Con entusiasmo le gazzette umbre riportano dati sulla crescita economica della regione, non parlano di nuovo boom economico ma poco ci manca, pseudopolitici si attribuiscono meriti di questa «rinascita» dell’economia regionale (forse per non aver fatto nulla, per non aver toccato niente di niente!), tutti novelli De Gasperi, novelli Mattei, novelli qualcosa (magari anche dèi minori). Eppure per le strade, nelle piazze, tutto questo giubilo per le rinnovate capacità produttive della regione non si coglie. Restano i musi lunghi, la rabbia per la disoccupazione, il timore per il futuro proprio e dei figli. Che sia un boom economico che espelle l’uomo dalle attività produttive? Che sia il solito andazzo: aumenta il Pil ma diminuisce l’occupazione? O è solo un mezzo rimbalzo legato alla pausa della pandemia? Certo che attribuirsi meriti per non avere fatto assolutamente nulla, in un periodo in cui il mondo è messo a dura prova, non è certo indice di grande intelligenza politica. L’Umbria necessita di cambiamenti effettivi, di un piano di rilancio del lavoro e delle attività produttive se non vuole diventare famosa nel mondo, oltre che per Francesco d’Assisi, per la produzione di lavoratori in ripartenza verso le mete tradizionali dell’emigrazione italiana.

Buoni i dati economici regionali… l’Umbria riparte

L’opera d’arte di ULDE(rico Sbarra)

12 settembre 2021

Polemiche a livello nazionale sul fasciomercato di Perugia: Montanari sul Venerdi di Repubblica, interpellanza di Fratoianni, risposte di La Russa, Sgarbi etc…

L’opera d’arte

Afghanistan, disinformazione e ignoranza

28 agosto 2021

Il modo in cui in questi venti anni è stato raccontato l’Afghanistan, la guerra, l’occupazione del paese, la lotta ai taliban, la semina della democrazia (copyright american-consumistico-occidentale), la laicizzazione, ecc. somiglia molto alle supercazzole di Amici miei, manca sono “come se fosse Antani”, o forse c’è ma è stato mal tradotto. La sconfitta non è solo militare, quello ci potrebbe stare, ma è la sconfitta della narrazione occidentale, dei tromboni della grande stampa occidentale, dell’informazione ridotta a bollettino della propaganda unificata. E vedere oggi questi giganti del pensiero confondere e considerare termini come Taliban, al-Qaeda, Isis alla stregua di sinonimi fa sorridere amaramente, ma visto che ci sono i morti dilaniati più che sorridere fa incaxxare, e non poco. Come fanno incaxxare tutte le stupidaggini che ci propinano per mettere una pezza alla disinformazione sistematica a cui abbiamo assistito.

Bye bye… di ULDE(rico Sbarra)

18 agosto 2021

L’Occidente e l’Afghanistan

17 agosto 2021

In queste ore in Afghanistan si sta scrivendo una storia che rischia di scompaginare l’intero Occidente. Ogni paragone con il Vietnam – a parte le dinamiche della fuga degli americani – è privo di fondamento, perché in Afghanistan si sta verificando qualcosa non previsto dall’ottimismo seriale del liberismo occidentale. Molti, nel passato, hanno dovuto levare le tende dall’Afghanistan lasciando sul terreno morti e onore (basta ricordare gli inglesi ed i sovietici), ma nel presente l’ottimismo a stelle e strisce supportato dalle nazioni europee ha subito una sconfitta senza precedenti – e la cosa non riguarda il piano militare. Ciò che nel passato era riuscito abbastanza agevolmente agli americani, cioè l’addomesticamento culturale attraverso la leva del consumismo e la distruzione o la trasformazione di valori arcaici e tradizioni (vedasi i casi di Italia, Germania e Giappone dopo la seconda guerra mondiale e subito dopo quello della Corea del Sud), non è accaduto in Afghanistan e non sta accadendo in Iraq. Per quanto riguarda il Vietnam, gli Stati Uniti lasciarono il campo ma ciò che sostituì il loro potere non fu affatto un’ideologia arcaica ma un’ideologia, quella marxista, che affondava le sue radici su principi economici, uguali e/o contrari a quelli del capitalismo: la stessa medaglia. Quindi una sconfitta militare e solo in parte economica (cosa è stato del Vietnam è sotto gli occhi di tutti). Ma in Afghanistan le cose sono andate molto, ma molto diversamente.  

(more…)

Alta produttività di Ulde(rico Sbarra)

20 giugno 2021

Guasticchi lascia il Pd e “si ripropone” di Ulde(rico Sbarra)

5 giugno 2021

Mai sazi… Guasticchi lascia il Pd e “si ripropone”…

Deregolare gli appalti di Ulde(rico Sbarra)

25 Maggio 2021
Deregolare gli appalti: “la leggerezza del profitto ad ogni costo”.

Isolare e colpire di Ulde(rico Sbarra)

12 Maggio 2021
Nell’indifferenza generale: “isolare e colpire”