Archive for the ‘Cronaca’ Category

Poi venne il tempo di Trump, il tycoon…

9 novembre 2016

donald-trump

Oggi è un giorno nero per gli Usa. Non lo sarebbe stato di meno se avesse vinto la Hillary Diane Rodham Clinton. Queste elezioni hanno mostrato quanto si possa scendere in basso. Molti invitavano a votare il meno peggio dei due. Forse intendevano la signora Clinton. Forse gli americani, che la conoscono meglio di noi, hanno valutato che il meno peggio era il tycoon cotonato.
Una riflessione c’è però da farla: queste elezioni americane hanno segnato la fine di una politica fatta di proclami e di scarsi o nulli riscontri. Il ceto medio sprofonda nella povertà, la crisi, almeno negli Usa, si è superata senza garantire alcuna equità sociale. Si moltiplicano gli utili delle multinazionali mentre interi strati della popolazione sono condannati al definitivo impoverimento. Cresce il Pil americano ma crescono anche le diseguaglianze, le discriminazioni; cala invece la credibilità internazionale del gendarme americano: negli ultimi decenni la politica estera americana è stata caratterizzata da continui, ripetuti ed insistiti disastri. Non sarà certo Trump colui che migliorerà le condizioni economiche di chi l’ha votato, ma questi hanno almeno cercato di non assecondare una politica che sarebbe sicuramente stata nel solco della continuità.

(more…)

Annunci

Svolta nel PD: la destra è nostra!

28 aprile 2013
Autore: Joe Mabel

Autore: Joe Mabel

L’inquietante spettacolo a cui abbiamo assistito in occasione dell’elezione del nuovo (vecchio!) Presidente della Repubblica, mostra in maniera inequivocabile quanto la democrazia e la sinistra italiana siano caduti in basso. Il deterioramento della democrazia non è cosa d’oggi: sono venti anni che viene coniugata e piegata agli interessi di una oligarchia consolidata, con il tacito accordo di buona parte delle istituzioni del paese. La Sinistra, ricostruitasi una verginità attraverso una serie di acronimi, e di alberi e fiori (PDS, DS, PD, quercia, ulivo, margherita, garofani appassiti, ecc.), ha smesso di essere riferimento della classe operaia (questa è stata abbandonata come una nave alla deriva) ed ha elaborato finissime strategie per consolidare il potere locale e per conquistare il potere a livello nazionale. Le finissime strategie si basavano sostanzialmente su due punti abbastanza chiari: la fedeltà tradizionale della base (ex-comunista o ancora comunista) e la conquista della visibilità nei media. Abbiamo assistito, in questi anni, a straordinarie pagliacciate nei vari talk-show in cui si parlava di tutto senza fare mai nulla, si stilavano ricette che mai sarebbero state applicate, si parlava di questioni sociali e si finiva per battibeccare con l’interlocutore di turno. Nel frattempo i finissimi strateghi portavano a compimento la fusione tra Margherita e DS in una sigla (PD) che tutto indica meno che un partito, stendiamo un velo di silenzio sulla sua democrazia interna. Mentre queste finissime manovre erano in atto, il nuovo soggetto plurale (mille correnti che non compongono un rigagnolo) ha rotto definitivamente il rapporto che seppure esilmente lo legava ancora alla base (parte operaia, parte piccolo borghese, parte post-operaia, precaria, parte ambientalista) per non dispiacere alla borghesia, alla Chiesa, agli elettori di centro, ai poteri forti, alle banche, agli imprenditori, all’Europa, ecc. (more…)

La strategia del gambero larmoyante

4 giugno 2012

Autore: Carlos Latuff

In principio fu Marchionne, poi venne Monti, poi la larmoyante ministra Fornero. Cominciarono col dirci che gli accordi di Pomigliano rappresentavano un unicum, che non sarebbero stati estesi ad altri stabilimenti, ecc. In breve: bisognava rinunciare a dei diritti, ma solo in via eccezionale. La via eccezionale – Pomigliano docet – è diventata regola con qualche aggiustamento per renderla più cocente e cogente. Per rientrare in fabbrica è necessario non aver in tasca la tessera della Fiom, che ha osato opporsi al potere di chi può ciò che vuole. Poi, dopo la tragicommedia burleskoniana, è arrivato il neo senatore professore bocconiano prestigioso stimato in Europa, Asia, Africa, Oceania, America, Marte, Nettuno, Giove, Mercurio, con l’alto incarico di salvare il paese dal baratro, di traghettare gli scettici italici verso il futuro. (more…)

Ratzinger come Vasco, ma senza inediti

3 giugno 2012

Foto di HeNRyKus

Adunata oceanica al Parco di Bresso per la tournée di Josef Ratzinger. Un happening che si ripete da anni, un Incontro mondiale delle Famiglie che sa molto di concerto rock, di chiamata, di presenza dovuta, di festa con intrattenimento. I temi sono sempre gli stessi: “La famiglia è fondata sul matrimonio tra l’uomo e la donna”, “Dio ha creato l’essere umano maschio e femmina, con pari dignità, ma anche con proprie e complementari caratteristiche”, “Armonizzare i tempi del lavoro e le esigenze della famiglia, la professione e la maternità, il lavoro e la festa, è importante per costruire società dal volto umano”, “un pensiero ai fedeli che, pur condividendo gli insegnamenti della Chiesa sulla famiglia, sono segnati da esperienze dolorose di fallimento e di separazione. (more…)

Non siamo mica qui a far gli euri con la stampante ad aghi

2 giugno 2012

Fortunatamente anche il 2 giugno se ne sta andando. Una festa della Repubblica all’insegna della retorica (soldi alle sfilate militari e pensiero alle popolazioni terremotate dell’Emilia), all’insegna della “sobrietà” (saranno sobri ma sembrano ubriachi), all’insegna dei buoni sentimenti (di pessimo gusto). Appena ieri, con una maggioranza imbarazzante si è votato per la libertà di licenziare e molti senatori che stanno lì grazie ai nostri voti, disattendendo il mandato ricevuto, hanno appoggiato questa legge diritticida. Non contenti di quanto stanno facendo si apprestano a varare una serie di privatizzazioni dei servizi che va nella direzione opposta dell’esito referendario del 2011. L’ennesimo disconoscimento dei valori costituzionali (sono quelli che sostanziano anche la “festa” odierna). (more…)

Ecco perché gli sportivi corrotti e dopati vanno radiati!

28 maggio 2012

Smyrna Football Club 1890s

Ancora una volta le cronache sportive si riempiono di notizie che con lo sport hanno poco a che vedere. Calcioscommesse, doping, doping finanziario, ecc. Finora, cattolicamente, si è sempre cercato di capire le ragioni del colpevole, del reprobo, cercando di salvare il salvabile e soprattutto il giro d’affari che gravita attorno allo sport. Ma il mondo dello sport, quello maggiore s’intende, non è come il mondo dei comuni mortali, comuni non sono gli stipendi, non sono i privilegi né i rischi. Lo sportivo, specie il calciatore professionista, è assistito e tollerato per le sue bizze, per i suoi comportamenti che spesso sconfinano nel vandalismo o nell’illegalità, quasi godesse di una particolare sinecura, quasi fosse un dio calato nell’agone sportivo. Ma le cose non sono proprio come sembrano. Lo sport ha un ruolo educativo e finisce per diventare il mondo dei sogni di migliaia di bambini e bambine. Da sempre, uno Stato credibile, deve garantire la corretta crescita dell’infanzia, indirizzandola verso valori positivi di lealtà, di sportività, di accettazione dei propri limiti, della sconfitta, dello spirito di sacrificio per migliorarsi, ecc. (more…)

Il BACMonti (Bersani, Alfano e Casini) spieghi agli italiani quest’altra stangata sulla casa

22 maggio 2012

Terromoto di Messina – Foto di Luca Comerio (1878-1940)

È proprio vero: guai a distrarsi! Basta un niente e i nostri beneamati politici ti preparano l’ennesimo scherzetto. Non bastava l’Imu con tariffe flessibili (da stabilire a secondo del gettito reale, realizzabile, stimato, auspicato – questi sì che sanno farli i conti!) ed ecco che è arrivata, con decreto legge decreto legge 15 maggio 2012 n°59, entrato in vigore il 17 maggio, una nuova tassa (naturalmente anche questa non quantificata): l’assicurazione sulla casa contro le calamità naturali.
Precisa inoltre il fine legislatore: “Al fine di consentire l’avvio di un regime assicurativo per la copertura dei rischi derivanti da calamità naturali sui fabbricati, a qualunque uso destinati, ed al fine di garantire adeguati, tempestivi ed uniformi livelli di soddisfacimento delle esigenze di riparazione e ricostruzione di beni immobili privati destinati ad uso abitativo, danneggiati o distrutti da calamità naturali, possono essere estese ai rischi derivanti da calamità naturali le polizze assicurative contro qualsiasi tipo di danno a fabbricati di proprietà di privati”. (more…)

Una montagna di grilli li seppellirà

21 maggio 2012

Foto di Steve Jurvetson from Menlo Park, USA

Sembra incredibile eppure è vero: il grillino Pizzarotti è sindaco di Parma! È una notizia forte (qualche tempo fa poteva essere spacciata come un falso del Male) che dovrebbe scuotere lo cosiddetta politica italiana. Gli ultimi quattro lustri ci hanno mostrato quanto la politica tradizionale possa scendere in basso e quanto possa essere dannosa per un paese fragile come l’Italia. Politici senza un briciolo di senso dello stato, dediti solamente alla salvaguardia dei propri privilegi, vanitosi davanti alle telecamere, lontani dai problemi reali del quotidiano, hanno finito per risultare caricature che sfoggiavano cronica ignoranza davanti ai microfoni delle “Iene” e, come i pessimi scolari, se ne vantavano quasi. (more…)

Melissa è stata ammazzata nel suo cammino verso la vita, verso il futuro

19 maggio 2012

Si può morire a 16 anni davanti ad una scuola perché qualche criminale fa esplodere un ordigno? Si può spezzare la vita di una persona che ha l’unica colpa di trovarsi nel luogo dell’esplosione? Si può ammazzare una ragazza di 16 anni che sta andando a scuola?
Non sono domande, sono le grida di un padre, prima ancora che di un insegnante, che non riesce a capacitarsi di quanto è successo. La scuola è vita perché frequentata da giovani che cercano una propria strada per crescere tra mille incertezze, esitazioni, ilarità. La scuola è vita perché è il luogo in cui sbocciano idee, amori, sogni, speranze, progetti. È il luogo del futuro. È il luogo migliore del nostro paese, è il luogo per antonomasia della gioventù, è il luogo da cui parte ogni istanza di vita. (more…)