La stagione dello smog viene e va…

milano_smog_duomo-300x203

Emergenza smog? I politicanti parolai, l’uomo medio (di professione ignavo adducendo l’alibi indecente del “tengofamiglia”) e gli ecoidioti (assordati dall’eco delle mirabolanti idiozie) lo scoprono appena c’è un po’ di alta pressione e con i volti contriti da congenita stitichezza di idee gareggiano a chi spara la soluzione più strampalata per risolvere ad aeternum siffatto misfatto che intorpidisce i santi giorni dedicati per tradizione al consumo incondizionato d’ogni mercanzia, d’ogni fetenzia, d’ogni sacralità. Spegnere i camini, bloccare il traffico, limitare la velocità delle vetture a motore, abbassare la temperatura dei caloriferi, vietare i pirotecnici spettacoli (che tanto dilettano gli onnivori sazi consumatori che aspettano lo scoccare della mezzanotte per riscoprire il senso della famiglia, della patria, della chiesa e scordano immantinente la cronica orchite che accompagna i restanti giorni del nuovo straordinario, inedito anno) e, perché no, vietare la combustione degli stralci delle potature urbane, suburbane e del contado. Con codeste soluzioni ogni concentrazione di Pm10 si dissolverà e l’aria tornerà salubre e il motore del 2000 emetterà essenze di rose e di viole con retrogusto appena percepibile di cianuro e arsenico.
Anche la Conferenza sul clima di Parigi si è manifestata per quello che era: l’ennesima farsa in cui i paesi sottosviluppati, sobillati dalle multinazionali, hanno rivendicato il diritto di inquinare e i paesi sviluppati hanno finto una mediazione che ha prodotto, più che un accordo, un ennesimo documento in cui le buone intenzioni sono destinate ad essere abortite già nei prossimi mesi. Alla faccia del bicarbonato di sodio!
Ma appena Eolo scatenerà bora, libeccio e maestrale e un fiocco di neve sfiorerà le cime delle Alpi e quattro secchi d’acqua sciacqueranno le città vedremo questa paccottiglia di politicanti, di ignavi pecoroni, di ecoidioti accalorarsi per altre meteorologiche minacce e dimenticheranno Pm10, alta pressione e smog asfissiante e potranno tornare ad accapigliarsi per rigori negati, a sbavare per le siliconate curvature della peripatetica di turno, ad indignarsi per supposte villanie della dea ben(data) e a infervorarsi sull’efferato crimine di turno meticolosamente esaminato dai giornalisti della disinformazia.
E dello smog? Delle polveri sottili? Del pianeta ridotto allo stremo da un modello di sviluppo criminale? Su tutto calerà un assordante silenzio. Si proporranno nuovi inceneritori per garantire affari ai soliti noti, si ostacoleranno le fonti energetiche pulite, si continuerà a bruciare carbone, petrolio e derivati, a deridere chi lotta e si prodiga per salvare il pianeta e garantire un futuro a chi è giovane adesso e a chi nascerà domani.
Solo quando questa classe politica incapace, o peggio, capace di tutto, sarà spazzata via dalla volontà popolate si potrà cominciare a parlare seriamente di umanità e ambiente, di uomo e progresso. Ma non potrà esserci speranza se si continuerà a dare fiducia ai responsabili del disastro: affaristi senza scrupoli, onesti mafiosi, incappucciati d’ogni razza e colore, spacciatori di religioni, atei devoti, puttanieri moralisti, corrotti e corruttori.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: