Dal vivere senza lavorare al sopravvivere senza un lavoro

Foto di Victuallers

Per un ventennio – il secondo tragico Ventennio della nostra breve storia – ci è stato detto che per vivere bene non c’era alcun bisogno di lavorare come avevano fatto i nostri genitori e i nostri nonni. La ricchezza veniva dal cielo – lo sterco del demonio era diventato un’elargizione celeste – bastava investire in azioni, obbligazioni e il moltiplicatore divino trasformava pochi spiccioli in capitali consistenti. Le vecchie professioni, antiestetiche e poco redditizie (operaio, agricoltore, muratore, ecc.), erano poi da considerarsi “roba da negher, da baluba, da terun, da sfigati”. Il successo arrideva ad ogni angolo per le fanciulle in fiore si aprivano sipari inaspettati: ma che commesse e apprendiste, bisognava sdoganare l’escortaggio, il velinaggio, lo scosciaggio, il meretricio d’alto bordo; un po’ di disinibizione e il paradiso era a due passi, anche e soprattutto nei palazzi del potere. Darla era un po’ il primo passo verso una brillante carriera artistica o politica o imprenditoriale o tutte e tre insieme. Nuove professioni per giovani uomini intraprendenti si facevano largo tra i pregiudizi della gente: addestratori/trici di escort, pettinatori di cani, psicanalisti per gatti, otorinolaringoiatri per serpenti e iguane, promotori di azioni a rischio, spacciatori di bond, assaggiatori di escort, leccaculo professionale, opinioncasinista, raddrizzatori di banane, accompagnatore, guardia del corpo, autista con licenza di pagare, figlio mantenuto della fiscalità generale, esperto di disastri in corso, collaudatore di slogan, venditori di spiagge e pezze d’appoggio, ecc.
Poi, ad un tratto, finisce la baldoria, e ci si ritrova dal vivere senza lavorare al sopravvivere senza un lavoro, senza speranze, senza prospettive, spesso con debiti, mutui e nel mezzo di una notte illune.

Annunci

Tag: , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: